Piaggio

Bentornata Primavera

Il 1968 è un anno particolare. È l’anno del maggio francese, della rivolta studentesca, della voglia di cambiare il mondo. Cambiano i tempi e cambiano le mode. E a girare sugli scooter sono più soltanto gli operai o i fattorini, ma i giovani che hanno voglia di esprimere, anche nella scelta dei mezzi di trasporto, […]

commenta

Lo scooter che aveva precorso i tempi

Negli anni Sessanta l’Italia si divideva tra Mazzola e Rivera, tra Sofia Loren e Gina Lollobrigida, Gianni Morandi e Massimo Ranieri e tra la Vespa e la Lambretta. Quest’ultima, fabbricata dall’Innocenti di Milano, nel dopoguerra riesce a spezzare i monopoli degli scooter, fino a quel momento saldamente in mano alla Piaggio. A metà degli anni […]

commenta

L'elettrodomestico a 2 ruote

Cinquantacinquemila lire: circa 25 euro, tanto costava il giorno della sua presentazione, nel gennaio del 1968. Dopo quarant’anni e oltre 3 milioni e mezzo di pezzi venduti, il Ciao, il padre di tutti i ciclomotori, non è ancora morto. Passato indenne alle leggi anti-inquinamento, all’invasione degli scooter, all’obbligo del casco,  questo ciclomotore si è sempre […]

commenta

Tre ruote alla conquista del mondo

Tre ruote per entrare nella storia. Tre ruote che, vestite da una carrozzeria inconfondibile, da sessant’anni circolano sulle nostre strade. Sono le tre ruote dell’Ape, un mezzo particolarissimo, che ha attraversato la storia del nostro Paese dal dopoguerra ad oggi, nata dalla genialità di un progettista aeronautico, Corradino d’Ascanio, e dalla lungimiranza di Enrico Piaggio […]

2 commenti