Tele(cattive)novela

Negli anni Ottanta, dal Brasile, assieme ai calciatori l’Italia importa anche le telenovela, un genere televisivo fino ad allora sconosciuto che ha caratterizzato la programmazione televisiva delle prima tv private per tutto il decennio. Vanno in onda tutti i giorni, alcune durano 300 puntate, cioè una stagione, altre non hanno una durata predeterminata e vanno avanti anche per molti anni, cessando le trasmissioni solo quando perdono parecchi telespettatori. Le trame ruotano tutte intorno a storie d’amore, spesso tragiche, e sono concepite per attirare in tempi brevi l’affezione dello spettatore. La prima telenovela trasmessa in Italia è La schiava Isaura: è il 1982 e va in onda su Retequattro (ancora di proprietà della Mondadori) alle 14. Ottiene un successo clamoroso, tanto che i vertici dell’emittente decidono, nell’aprile dello stesso anno, di tentare a replicare e propongono Dancin’ Days, con Sonia Braga, che in Brasile ha registrato 35 milioni di telespettatori, e anche da noi non è da meno. La scia di Retequattro la segue Rete A, con Anche i ricchi piangono (dove la star è Veronica Castro) e Mariana, il diritto di nascere, trasmesse con grande successo in prima serata (con replica pomeridiana) nel 1983 e nel 1984. L’anno dopo Rete A prova a produrne una italiana: è ingaggiata Veronica Castro per registrare Felicità… dove sei, che si tramuta in un mezzo flop. Dopo il passaggio dalla Mondadori alla Fininvest, Retequattro punta decisamente verso un target femminile: il palinsesto della mattina e del pomeriggio è infarcito da telenovela all’interno del programma Buon pomeriggio, condotto da Patrizia Rossetti, che tra un episodio e l’altro, rivela curiosità e intervista i protagonisti. Verso la fine degli anni Ottanta arrivano anche quelle argentine: la prima è Azucena, che ottiene un buon ascolto, poi è la volta di Topazio che fa registrare il 42% di share grazie soprattutto alla star Grecia Colmenares. Il fenomeno continua fino a metà degli anni Novanta, tra i titoli più seguiti: Marilena con Catherine Fulop, Cuore Selvaggio con Eduardo Palomo che registra picchi di oltre 4 milioni di spettatori, La donna del mistero con Luisa Kuliok e Jorge Martinez, che detiene ancora oggi il titolo di fiction più vista in assoluto della storia di Retequattro: 5.915.000 telespettatori (22.41%) per la puntata del 17 maggio 1991. Oggi Retequattro ha abbandonato la programmazione di telenovele al pomeriggio e in prima serata; sostituita, in ambito nazionale, da Sky Lady Channel che le trasmette 24 ore su 24.

un commento

1 commento

  1. Alessandra:

    Repubblica di San Marino 21 /03/2012

    COMUNICATO STAMPA: PRESENZA LUISA KULIOK SMtv SAN MARINO
    Ai colleghi giornalisti si comunica che in data 05 Aprile 2012 l’attrice Luisa Kuliok sarà ospite nella tv di Sato della Repubblica di San Marino.
    Luisa Kuliok sarà ospite il 6 aprile nella trasmissione Terrazza Kursaal e sarà intervistata da Carmen Lasorella. Lo stesso giorno alle 12 è prevista una conferenza stampa alla quale saranno invitati sia i giornalisti che il pubblico.
    Si percorrerà la carriera dell’attrice e il suo rapporto con l’Italia. Un gradito ritorno a vent’anni di distanza da La donna del mistero. Un omaggio all’attrice che con molta felicità ha accolto l’invito.

    http://www.smtvsanmarino.sm
    Per info 0549/882000

Lascia un commento


*obbligatorio