Cinema

Fagioli western, più cazzotti meno pallottole

Con gli anni, e visto il successo ottenuto, le specialità italiane nei film western si raddoppiano. Così, dopo gli “spaghetti”, arrivano i “fagioli-western”, che si differenziano dai primi per la quantità si scazzottate, nel copione ben più numerose di sparatorie e duelli. Tra i padri di questo genere, un regista che proviene proprio dagli “spaghetti”: […]

commenta

Così Travolta ha sconfitto il Sessantotto

Ci sono film che passano alla storia non tanto perché hanno vinto decine di premi Oscar o hanno sbancato il botteghino, ma perché ritraggono un’epoca o l’hanno segnata in modo indelebile. Ecco, questo è il caso de La febbre del sabato sera, un titolo che si è persino svincolato dal film per diventare “definizione” universalmente […]

commenta

Autunno 1977, dilaga la Febbre

Questo autunno si festeggiano i 35 anni dell’uscita nelle sale cinematografiche de La febbre del sabato sera, film musicale con John Travolta, attore protagonista, che in poco tempo da dilagare i tutto il mondo la “febbre della discoteca” e diventare il film una pietra miliare della storia del cinema. Racconta la storia, ambientata negli Stati […]

commenta

Uno splendido cinquantenne

Il vodka-Martini agitato, non mescolato; auto corazzate come carri armati, capaci di sparare missili, navigare sott’acqua o volare; orologi che possono tagliare una catena temperata, sprigionare gas mortali e trasformarsi in una ricetrasmittente; smoking ingualcibili, nemmeno se indossati sotto la muta da sub; donne mozzafiato al fianco e un biglietto da visita, verbale, da leggenda: […]

commenta

La prima volta di Metropolis

A Berlino, il 10 gennaio del 1927, viene proiettato per la prima volta Metropolis, capolavoro del regista austriaco Fritz Lang. Il film, muto, è considerato uno dei capisaldi dell’espressionismo cinematografico e ed universalmente riconosciuto come modello di gran parte del cinema di fantascienza moderno. Ha ispirato pellicole come Blade Runner e Brazil. La lavorazione del film […]

commenta

Rossati, signore del B-Movie

Nello Rossati, regista e sceneggiatore italiano ha girato, scritto e prodotto indimenticabili B-Movie. Dopo aver cominciato come attore e regista teatrale, realizza il suo primo film nel 1971. S’intitola Bella di giorno, moglie di notte, una pruriginosa storia di una moglie, Eva Czemerys, che per arrotondare si prostituisce. Girato con pochi soldi ma con una […]

un commento

Un ragioniere passato alla storia

«Per me… La corazzata Potemkin… è una cagata pazzesca!». Novantadue minuti di applausi!. Questa non una semplice battuta; secondo alcuni critici e sociologhi «questa frase rimarrà nella storia come l’urlo dello sfruttato, la rivalsa dell’italiano medio». Sicuramente “passare alla storia” non era nelle intenzioni di Paolo Villaggio quando, quarant’anni fa, ha creato il personaggio del […]

commenta

Con Obama tornerà un grande Paese?

Sono passati quarant’anni da quando, al Moma di New York, si proiettò l’anteprima di Easy Rider, film diretto da un esordiente Dennis Hopper e che, come nessun altro, è riuscito a immortalare il sogno hippie, quello cioè di attraversare gli Stati Uniti in moto alla ricerca della libertà. Nel film ci sono tutti gli ingredienti […]

commenta

La svolta di Celentano

Postmoderno, mezzo musical, anarchico, ecologista… noir… Così è stato definito Yuppi Du, film diretto, prodotto e interpretato da Adriano Celentano nel 1975. Un film che spiazza i critici, da lui abituati a ruoli più leggeri. Infatti Celentano, fino ad allora, aveva interpretato semplici “musicarelli” o film con ruoli ritagliati sul suo personaggio, e diretto, assieme […]

commenta